Sony Xperia Tablet Z, recensione

 ESCAPE='HTML'

Sony Xperia Tablet Z condivide il nome con lo smartphone Xperia Z per una ragione ben precisa: ne condivide il design e l’architettura hardware e software.  L’Xperia Tablet Z è sottilissimo e leggerissimo, con un spessore di soli 7 mm e un peso di 495 g, che lo rendono molto comodo da usare per un periodo prolungato di tempo. Solo i bordi molto squadrati possono dare fastidio e avremmo preferito un sottile rivestimento gommato per rendere il tablet ancora più comodo.

Sotto al profilo Hardware troviamo sistema operativo 4.1.3 e processore Qualcomm SnapDragon S4 Pro quad core da 1,5 GHz con GPU Adreno 320 e 2 GB di RAM. Inoltre, proprio come avviene per lo smartphone cugino, anche l’Xperia Tablet Z rispetta le specifiche IP57, essendo resistente ad acqua e polvere.

I quattro piccoli speaker, collocati ai lati in posizione strategica così da non essere coperti con le mani, offrono un suono pulito e sorprendentemente potente per un tablet. Il punto di forza in ambito audio è l’equalizzatore personalizzabile, che lavora con efficacia su ogni sorgente sonora oltre a riprodurre un surround virtuale sorprendente.

 ESCAPE='HTML'

Lo schermo, potenziato dalla tecnologia Bravia Engine 2, stupisce per la fedeltà dei colori, ma si notano neri tendenti al grigio, a causa del basso contrasto, inoltre il display ha un angolo di visuale stretto, non permettendo di visualizzare bene i contenuti senza avere il tablet perfettamente dritto.

Per performance velocistiche, il Sony Xperia Tablet Z non delude, con risultati che rispecchiano le aspettative. Il processore quad core SnapDragon S4 Pro da 1,5 GHz e la GPH Adreno 320 soddisfano in ogni ambito, dalla riproduzione di contenuti video Full HD ai videogiochi più recenti ed esosi di risorse hardware, senza impuntamenti.
Il browser di serie soffre di qualche lag di troppo, mentre con Chrome la situazione è decisamente migliore.
Purtroppo, a prestazioni elevate corrisponde un’autonomia sotto la media. La batteria non è sostituibile e garantisce circa cinque ore di utilizzo, sfruttando il tablet come dispositivo multimediale per la riproduzione di contenuti audio e video e per giocare, collegato a una rete Wi-Fi.

 ESCAPE='HTML'

Per gli appassionati di fotografia questo Sony offre una potente fotocamera posteriore da 8 megapixel, dotata del sensore CMOS Exmor R e della tecnologia Superior Auto presi in prestito dallo smartphone Xperia Z, che permette di realizzare scatti di qualità molto buona.
La fotocamera frontale, invece da 2,2 Mp con sensore Exmor R e risoluzione Full HD, permette videochiamate di ottima qualità e foto discrete.
Infine, all’Xperia Tablet Z non manca nulla nemmeno in fatto di connettività, sensori integrati e supporto di protocolli di comunicazione: USB 2.0, HDMI via dongle USB e con supporto MHL, Wi-Fi di classe n, Bluetooth 4.0, GPS, accelerometro a tre assi, giroscopio, bussola digitale, NFC, DLNA, e reti 4G/LTE per il modello compatibile.

 ESCAPE='HTML'

Chi non vuole possedere uno smartphone di fascia alta, ma ama l’idea di avere un dispositivo domestico che può essere condiviso in famiglia, grazie alla funzione introdotta nelle ultime versioni di Android, possiamo facilmente creare account multipli, allora questo tablet può essere un’ottima scelta, non avendo alcun limite in ambito ludico e multimediale, a parte l’autonomia ridotta e lo scarso angolo di visuale.
Speriamo che un futuro aggiornamento del firmware agisca migliorando la gestione del risparmio energetico Stamina, che al momento funziona egregiamente ma solo quando il tablet è in stand-by (come accade sullo smartphone Xperia Z) e sulla luminosità automatica del display, così da liberare tutta la potenza e fare di questo device un vero e proprio prodotto di riferimento in un mercato sempre più competitivo.
Sony Xperia Tablet Z sarà in vendita da metà maggio ai prezzi di 499, 549 e 699 euro rispettivamente per i modelli Wi-Fi da 16 e 32 GB, e Wi-Fi/LTE da 16 GB.

comments powered by Disqus